blank

Friuli-Venezia-Giulia zona arancione. Tamponi in arrivo?

Avevamo previsto questa spiacevole evenienza e abbiamo varie soluzioni in esame in vista del mese di gennaio.

Per essere precisi, in questo momento ci sono 4 diversi piani operativi che vedono 5 scenari differenti. Inutile fare confusione e proporvi tutte le varianti.

Sarebbe più semplice ed annullare tutto, ma lo spirito S1 non è percorrere i sentieri più semplici, ma i più belli

Premessa: quando si annulla una gara?

  • Quando le autorità non ne consentono lo svolgimento
  • Quando l’organizzatore non può garantirne la conformità alle disposizioni in vigore e/o la sicurezza dei concorrenti.

Altri motivi non ci sono.

Sarebbe più semplice fare come fanno molti ed annullare tutto, ma lo spirito S1 non è percorrere i sentieri più semplici, ma i più belli

Forse non lo sapete, ma noi in queste condizioni ci troviamo sempre, ogni anno: permessi transfrontalieri, maltempo, viabilità, capienza delle strutture, supporto degli sponsor.

Il problema è che anche molti “organizzatori” non lo sapevano e quindi il piano B era semplicemente annullare.

Chi organizza un evento è sempre a rischio e sa gestire il maggior numero possibile di scenari possibili.

E non diremo mai: “annulliamo per senso di responsabilità” in un momento in cui ci vengono dati gli strumenti per fare l’evento, ovvero dopo l’approvazione e l’attuazione di protocolli di sicurezza,

  • Le indicazioni che danno le autorità servono proprio a garantire la sicurezza
  • Seguire la legge e le indicazioni è quanto di più resonsabile si possa fare.
  • Comprendiamo chi non se la sente di farlo perchè non vuole addossarsi un grosso onere, ma è ingiusto che queste persone trattino da irresponsabili, quelli che invece agiscono nel masismo della responsabilità.

Ne consegue che fin che non verranno definite delle condizioni di legge per cui la gara non si può fare, o al momento in cui la nostra organizzazione non sarà in grado di sostenere i requisiti di sicurezza, per noi la gara si farà.

A quel punto, se non si potesse fare, diremo: “annulliamo perché non siamo o non ci sono le condizioni di farla”.

Con la serenità di chi ha fatto tutto il possibile. La stessa serenità con con cui, partecipando ad una gara si abbandona dopo aver dato il massimo.

Avere senso di responsabilità significa anche lavorare, impegnarsi e dare il massimo. Non screditare il prossimo.

Gli sportivi lo sanno.

Da oggi al 3 dicembre non ci sono le condizioni perché si tenga la Corsa della Bora, ma la Corsa della Bora si tiene a gennaio. Non a novembre.

Alcune anticipazioni:

  • Prossimo aggiornamento il 3 dicembre, in cui dovremmo conoscere l’evoluzione fino al 15 dicembre o fino alla data della gara
  • Stiamo trattando l’acquisto di 2000 tamponi rapidi per i concorrenti, nel caso in cui le condizioni fossero le medesime previste al post DPCM del 3/11 e prima delle limitazioni di spostamento in essere in questo periodo. L’unico elemento ostativo in questo momento è la dispnibilità del prodotto nei tempi richiesti.
  • Annullamento o spostamento gara. Le mie posizioni le ho espresse chiaramente il 19 marzo scorso, quando le cicale pensavano che a giugno il COVID fosse un ricordo. Potete leggere questo articolo. Ne consegue che la Corsa della Bora si terrà il 2-3 gennaio, oppure il 9-10 gennaio, oppure il 16-17 gennaio, oppure il 23-24 gennaio. Se in nessuna delle date elencate si potesse fare, la manifestazione slitta al 2022 applicando l‘articolo 31.
  • Sitiamo predisponendo, una pacchetto di ospitalità con soluzioni per tutti i gusti e le tasche che preveda le medesime condizioni di tutela dell’articolo 31, quindi chi si iscrive avrò piena garanzia di non solo una gara con protocolli di sicurezza e tutela in caso di annullamento, ma anche quelle stesse tutele sull’hotel. IN buona sostanza, per chi si iscriverà dal 3 al 23 dicembre ci sarà copertura totale su gare + hotel
  • Se non sarà possibile correre di notte abbiamo un piano alternaivo per la 80 km che prevede la partenza alle 6.00

Ci sarebbe molto altro da aggiungere in questo momento è meglio non fare troppe ipotesi e ragionare in maniera pragmatica e serena su quello che si sa per certo.

E, per cortesia, non scrivete o chiamate dicendo: ” ma la gara si farà?” – per quelle risposte c’è la pagina facebook del Divino Otelma

Io, come tutto il team, stiamo mettendo anima e corpo e facendo tutto quello che è umanamente possibile per tenere l’evento, nel rispetto assoluto della legge e nella massima sicurezza per chi ci lavora e partecipa.

Tommaso de Mottoni

Direttore di Gara – La Corsa della Bora

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.